Area Anno C (Fano)

Beati i poveri

VI Domenica t.o. - C

Clicca per vedere l'immagine a grandezza intera  (2779 × 2167 pixel, dimensione del file: 427 KB)

Alcune chiavi di lettura dell'immagine

Beati i poveri e gli affamati
Ma guai ai ricchi e a quelli che sono sazi.

Nel Vangelo Gesù dice che sono "beati, felici", quelli che sono poveri, quelli che hanno fame, quelli che vengono insultati. Bisogna essere un po' pazzi per fidarsi della Parola di Gesù. Se lui è veramente nostro amico, non importa cosa succede nella vita, che tutto andrà bene, è per questo che siamo felici, perché Gesù è davvero colui che ci aiuta, colui che ci sostiene. Gesù è come un ponte, che ci aiuta a spostarci da una parte all'altra, per evitare difficoltà e, soprattutto, con lui, saremo sempre felici.

Perché qualcuno desidera un sacco di cose se è sempre solo e non ha amici? Inoltre, non possiamo desiderare tutto per noi stessi, mentre ci sono persone che muoiono di fame nel mondo. Guai a quelli che non si fidano del Signore! Guai ai ricchi e sazi! Potremmo anche dire guai a quelli che pensano che si è felici con il possedere.

traduzione dal blog di Kamiano

Temi: povertà, beatitudine, ricchezza, carità, pane, croce

Visualizza Lc 6,17.20-26

In quel tempo, Gesù, 17disceso con i Dodici, si fermò in un luogo pianeggiante. C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidone,

20Ed egli, alzàti gli occhi verso i suoi discepoli, diceva:

«Beati voi, poveri,

perché vostro è il regno di Dio.

21Beati voi, che ora avete fame,

perché sarete saziati.

Beati voi, che ora piangete,

perché riderete.

22Beati voi, quando gli uomini vi odieranno e quando vi metteranno al bando e vi insulteranno e disprezzeranno il vostro nome come infame, a causa del Figlio dell’uomo. 23Rallegratevi in quel giorno ed esultate perché, ecco, la vostra ricompensa è grande nel cielo. Allo stesso modo infatti agivano i loro padri con i profeti.

24Ma guai a voi, ricchi,

perché avete già ricevuto la vostra consolazione.

25Guai a voi, che ora siete sazi,

perché avrete fame.

Guai a voi, che ora ridete,

perché sarete nel dolore e piangerete.

26Guai, quando tutti gli uomini diranno bene di voi. Allo stesso modo infatti agivano i loro padri con i falsi profeti.

Autore: Patxi Velasco Fano  (home page 1 - home page 2)

Visualizza tutte le 49 immagini relative a Lc 6,17.20-26