Area Anno C (Fano)

Gesù: "Sono tutti miei" (es)

XXXI Domenica t.o. - C

Clicca per vedere l'immagine a grandezza intera  (800 × 607 pixel, dimensione del file: 211 KB)

Alcune chiavi di lettura dell'immagine

Quando si perde qualcosa si può andare all'Ufficio oggetti smarriti; a volte vi troviamo quello che abbiamo abbandonato o dimenticato in un certo luogo.

Ma cosa succede quando invece di un oggetto ci siamo persi noi stessi, come è successo a Zaccheo? Non dobbiamo preoccuparci: Gesù ci vuole, ci ama e gli apparteniamo. Lasciamoci trovare. Non nascondiamoci. Dobbiamo sapere, che tutto ciò che è "perso" è di suo gradimento. Dobbiamo lasciarci incontrare e metterci nelle sue mani.

Temi: oggetti smarriti, gesù, zaccheo

Visualizza Lc 19,1-10: Gesù e Zaccheo

1Entrò nella città di Gerico e la stava attraversando, 2quand’ecco un uomo, di nome Zaccheo, capo dei pubblicani e ricco, 3cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura. 4Allora corse avanti e, per riuscire a vederlo, salì su un sicomòro, perché doveva passare di là. 5Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zaccheo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». 6Scese in fretta e lo accolse pieno di gioia. 7Vedendo ciò, tutti mormoravano: «È entrato in casa di un peccatore!». 8Ma Zaccheo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto». 9Gesù gli rispose: «Oggi per questa casa è venuta la salvezza, perché anch’egli è figlio di Abramo. 10Il Figlio dell’uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto».

Autore: Patxi Velasco Fano  (home page 1 - home page 2)

Visualizza tutte le 41 immagini relative a Lc 19,1-10