Più o meno segni

don Luciano Sanvito

Lunedì della IV settimana di Quaresima (15 marzo 2010)

Meno segni ci sono, e meglio è, nella fede.

--------------------------------------------------------------

Spesso noi catapultiamo nelle nostre celebrazioni segni su segni, con il rischio di coprire sotto questa spessa coltre il segno dei segni: Lui.

*

Il segno, in effetti, posto da Gesù apre alla fede; quello richiesto da noi blocca ai segni stessi.

Ecco allora un altro motivo di attenzione, se dobbiamo porre dei segni: siamo noi a farli, o stiamo accogliendo il segno proposto da Lui?

*

"Se non vedete dei segni..."

Per noi, inoltre, il segno si fonda sul vedere, sulla constatazione; per Gesù, invece, il segno si dirama a raggio, illuminando tutta la sfera dei sensi e delle attitudini umane, prima di tutte l'attesa ("...l'ora...").

*

Gesù porta il segno dal semplice vedere all'udire, all'ascolto: "Va', tuo figlio vive!". Ecco il non vedere che si fa segno, che illumina l'attesa, il tempo morto, che è il primo che rivive, prima ancora del figlio: "...in quell'ora": è il tempo stesso che si fà segno invisibile ma prezioso della grazia (che è pure essa un altro segno che non si vede con gli occhi).

*

Meno segni ci sono, nella fede, più ne appaiono in modi diversi.

-------------------------------------------------------------------------------------------

La differenza però è questa: che prima erano tutti segni della vista, collegati al vedere ("Se non vedete..."), ora invece sono tutti quanti centrati e incanalati nel segno che dà senso e valore a tutti: Gesù.