PERFEZIONA LA RICERCA

FestiviFeriali

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla LiturgiaCommenti al Vangelo
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA

Torna alla pagina precedente

Icona .doc

TESTO Messaggeri di lieti annunzi

Messa Meditazione  

Giovedì della I settimana di Quaresima (14/02/2008)

Vangelo: Mt 7,7-12 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Lettura

Nella festa odierna, le letture ci propongono la gioia della missione che nasce dall'annunziare la pace, il bene, la salvezza di Dio. Gli apostoli realizzano la visione di Isaia, predicando ovunque, mai soli o a nome proprio, bensì sempre accompagnati dal Signore e dai suoi prodigi.

Meditazione

"Come sono belli i piedi del messaggero di lieti annunzi". Talvolta, forse per sottolineare le tante fatiche che la missione comporta, rischiamo di dimenticare le sue ricchezze, la sua bellezza. Aver conosciuto il vangelo, Cristo, la paternità di Dio, il suo amore per l'umanità intera è un bene incommensurabile. E così il poter parlarne, condividendo la stessa gioia. Chi vuole testimoniare l'opera di Dio sicuramente si scontra con due limiti grandi: il suo peccato, che inevitabilmente lo porta a non essere sempre coerente con quanto dice, e il non poter con la parola umana rendere la grandezza di Dio, il suo mistero. La tentazione allora è quella di fermarsi: cosa posso dire io così fragile e limitato? È una grazia avvertire tutta la propria incapacità; è una grazia, a volte, fallire; è una grazia vedersi inutili, perché ci riporta al nostro essere solo messaggeri, e nemmeno indispensabili. La "mentalità produttiva", purtroppo, colpisce tutti, anche i meglio intenzionati. Abbiamo bisogno di vedere risultati. Ci diciamo che dobbiamo andare oltre, ma poi ricadiamo sempre nella tristezza quando tutto tace, appare fermo, senza luce. Eppure, Dio rimane fedele alla sua chiamata: Egli ci ha voluto, e continua a volerci. Non per la nostra forza, preparazione, capacità, alta spiritualità, ma in base ad un fragile "sì" che un giorno gli abbiamo detto, e che Lui custodisce come tesoro. Dobbiamo allora continuare a porre questo "sì" tra le sue mani, perché lo usi come vuole, sicuri che, come per gli apostoli, il Signore opera con noi – ma non solo: anche in noi e per noi –, grazie al dono che ci fa rendendoci suoi testimoni.

Preghiera

Rendi belli i miei piedi, Signore, per il lieto annunzio che recano. Camminino per te, a favore di ogni uomo, fatichino per portare la gioia del tuo vangelo.

Agire

Sull'esempio dei santi Cirillo e Metodio, cercherò di conoscere a fondo la realtà in cui vivo, la sua cultura, le sue caratteristiche, per calare in essa il vangelo e la mia testimonianza.

Commento a cura di Cristoforo Donadio – P. Antonio Izquierdo, LC

Clicca qui se vuoi abbonarti a "Messa Meditazione".

 

Ricerca avanzata  (47088 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: