Aiutaci TestiPresentazioniVideoAudioImmaginiRitagliCommentiVangeliIdeeGiochi Mailing listBlogGuida    Entra

Ritagli

Ritagli per la prossima festa:
26 ottobre 2014
XXX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO A)

Vangelo: Mt 22,34-40

PASSA AL RITO AMBROSIANO

I tuoi ritagli preferiti

PERFEZIONA LA RICERCA

Ultimi ritagli inseriti

Indice alfabetico dei temi

Invia il tuo ritaglio

Un ritaglio al giorno!
Inserisci qui il tuo indirizzo email e clicca su iscrivimi per ricevere ogni mattina un ritaglio:

6+2=

Hai cercato i ritagli inviati da Andrea Aversa

Hai trovato 18 ritagli

Ricerca avanzata ritagli
tipo
parole
tema
fonte/autore

TESTO

1. Codice delle piccole buone azioni

P. Lacordaire

Il P. Lacordaire, convertito, avvocato, domenicano, deputato, famoso predicatore, accademico di Francia, si era composto un "Codice delle piccole buone azioni". Eccolo per un esame di coscienza:

Sorridi alla monotonia del dovere quotidiano.
Taci quando ti accorgi che qualcuno ha sbagliato.
Elogia il fratello che ha operato il bene.
Rendi un servizio a chi ti è sottoposto.
Partecipa al gioco dei fanciulli, i prediletti di Dio.

Stringi cordialmente la mano al fratello che è nella tristezza.
Parla con dolcezza agli impazienti e agli importuni.
Guarda con affetto chi nasconde un dolore.
Riconosci umilmente il tuo torto.
Saluta affabilmente gli umili.
Abbi un pentimento sincero per il male fatto.

quotidianitàumiltàservizioumanità

Valutazione: 0 voti

inviato da Andrea Aversa, inserito il 27/11/2002

TESTO

2. Testimoni, non maestri

Paolo VI

L'uomo contemporaneo ascolta più volentieri i testimoni che i maestri, o, se ascolta i maestri, lo fa perché sono dei testimoni.

testimonianzaannunciomissioneevangelizzazione

Valutazione: 0 voti

inviato da Andrea Aversa, inserito il 22/11/2002

PREGHIERA

3. Preghiera per chi cammina da solo   1

Signore, tante volte mi vien la tentazione di andarmene via da solo, di lasciare che gli altri se la cavino senza di me. Sento la fatica di dovermi fermare per attendere chi cammina lentamente o batte la fiacca, mentre io vorrei correre in avanti. La strada da percorrere è tanto lunga, non vedo l'ora di arrivare e mi tocca perder tempo con chi non ha voglia di camminare.

Ma tu, Signore, mi fai capire che sto sbagliando. Da solo potrei forse arrivare primo, ma tu mi domanderesti conto dei miei fratelli, e sarei condannato a retrocedere all'ultimo posto.

Insegnami, Signore, la pazienza di aspettare, la generosità di aiutare gli altri a scoprire la bellezza del cammino, l'umiltà per non ritenermi il più bravo di tutti. Non è importante che uno arrivi per primo, ma che l'ultimo di noi possa giungere al traguardo sostenuto da una comunità di fratelli e sorelle.

Sulla strada non siamo mai soli, non possiamo esser soli, perché tu cammini con noi, come facevi con i discepoli di Emmaus, e ci insegni a spezzare il pane con i fratelli, per riprendere la strada con entusiasmo e con speranza nuova.

comunitàstradacamminoroutescout

Valutazione: 1.0/5 (1 voto)

inviato da Andrea Aversa, inserito il 25/05/2002

TESTO

4. Tanti fiori in uno stesso campo: così è l'umanità

Libro di Lezard

Ci sono tanti fiori in uno stesso campo; tanti uccelli in uno stesso bosco, tanti profumi che salgono dalla terra; tanti ronzii strani, mormorii confusi; voci rauche o sonore, tante forze, colori, linee.

E tuttavia questo si confonde, si armonizza e si completa nel tutto che si chiama "natura".
Accade lo stesso per l'umanità.

Ogni uomo deve essere quello che è, fedele a se stesso, forte nella sua opinione, nel suo pensiero, nella sua azione; ma deve ammettere attorno a se tutti gli uomini che non pensano come lui, che non agiscono come lui, che perseguono un altro scopo, e che adorano un altro Dio.

E la bontà sarà la forza che permetterà agli uomini di vivere in pace gli uni accanto agli altri, senza nuocersi, rispettosi e benevoli.

La bontà fresca e spontanea sarà la forza che al di sopra del dovere e della virtù austera condurrà gli uomini all'indulgenza reciproca, alla buona volontà, alla cortesia, all'obbedienza, alla giustizia.

E tu sarai indulgente verso gli altri, perché sarai severo verso te stesso.

E chiederai poco agli altri, perché esigerai molto da te stesso.

E sarai cortese, non per abitudine, freddamente, ma perché ti addolorerebbe non esserlo.

E sarai obbediente e giusto, non per timore o per dovere, ma perché qualcosa si sarà schiuso in te; qualcosa che trema, freme e si ribella davanti alla sofferenza e alla tristezza; qualcosa che canta ed esulta davanti alla gioia e alla felicità.
E sarà la bontà, niente altro che la bontà.

Una bontà fresca e ridente che diverrà la forza della tua vita.

conviveremulticulturalitàdiversità

Valutazione: 0 voti

inviato da Andrea Aversa, inserito il 25/05/2002

TESTO

5. Se la nota dicesse...   2

Michel Quoist, Parlami d'amore

Se la nota dicesse: non è una nota che fa la musica
...non ci sarebbero le sinfonie.

Se la parola dicesse: non è una parola che può fare una pagina
...non ci sarebbero i libri.

Se la pietra dicesse: non è una pietra che può alzare un muro
...non ci sarebbero case.

Se la goccia d'acqua dicesse: non è una goccia d'acqua che può fare un fiume
...non ci sarebbe l'oceano.

Se il chicco di grano dicesse: non è un chicco di grano che può seminare un campo
...non ci sarebbe la messe.

Se l'uomo dicesse: non è un gesto d'amore che può salvare l'umanità

...non ci sarebbero mai né giustizia né pace, né dignità né felicità sulla terra degli uomini.
Come la sinfonia ha bisogno di ogni nota
Come il libro ha bisogno di ogni parola
Come la casa ha bisogno di ogni pietra
Come l'oceano ha bisogno di ogni goccia d'acqua
Come la messe ha bisogno di ogni chicco
l'umanità intera ha bisogno di te,
qui dove sei,
unico,
e perciò insostituibile.

versione breve
L'umanità ha bisogno di te
Come la sinfonia ha bisogno di ogni nota
Come il libro ha bisogno di ogni parola
Come la casa ha bisogno di ogni pietra
Come l'oceano ha bisogno di ogni goccia d'acqua
Come la messe ha bisogno di ogni chicco

l'umanità intera ha bisogno di te, qui dove sei, unico, e perciò insostituibile.

responsabilitàmissionevocazioneimportanza del singolo

Valutazione: 5.0/5 (1 voto)

inviato da Andrea Aversa, inserito il 24/05/2002

PREGHIERA

6. Preghiera della sera (in montagna)

Mentre la luce muore accogli, o Signore, la mia preghiera.
Ti ringrazio di avermi donato la purezza delle cime,

la letizia delle valli e il calore del sole ristoro alle mie forze fisiche e spirituali.
Perdonami se ho fatto del male.

O Maria, Regina dei monti e delle nevi, ti ringrazio della tua protezione,

dona un sereno riposo a questo cuore che ha sete di altezze e di infinito.

buonanottemontagnapurezzacamminoroute

Valutazione: 0 voti

inviato da Andrea Aversa, inserito il 24/05/2002

TESTO

7. La vita è fatta di secondi

F.X. Nguyen Van Thuan

La linea retta è fatta di milioni di piccoli punti uniti uno all'altro.

Anche la vita è fatta di milioni di secondi e di minuti uniti uno all'altro.
Disponi bene ogni singolo punto e la linea sarà retta.

Vivi con perfezione ogni minuto della vita e questa sarà santa.

Il cammino della speranza è lastricato di piccoli atti di speranza.

Vivendo in essa ogni minuto, puoi far sì che la speranza diventi una vita.

vitasantitàcoerenzafedeltà

Valutazione: 0 voti

inviato da Andrea Aversa, inserito il 24/05/2002

TESTO

8. Dividere il pane

Helder Camara

Se dividi il tuo pane con timore, senza fiducia, senza audacia, il tuo pane ti mancherà... Prova a dividerlo senza calcolo, senza risparmio come figlio del padrone di tutte le messi del mondo...

condivisionegenerositàaltruismoegoismodonare

Valutazione: 0 voti

inviato da Andrea Aversa, inserito il 24/05/2002

PREGHIERA

9. Signore, sii in me per...

John Henry Newman

Sii, Signore,
in me per rinforzarmi,
fuori di me per custodirmi,
sopra di me per proteggermi,
sotto di me per consolidarmi,
davanti a me per guidarmi,
dietro di me per seguirmi,
tutt'intorno
per rendermi sicuro.

fedefiduciarapporto con Dio

Valutazione: 0 voti

inviato da Andrea Aversa, inserito il 24/05/2002

TESTO

10. La vera fortezza

Luciano Canonici

La più grande manifestazione di fortezza è quella di saper accettare e obbedire, non quella di comandare e imporsi agli altri.

fortezzaobbedienzacomandareumiltà

Valutazione: 4.0/5 (1 voto)

inviato da Andrea Aversa, inserito il 24/05/2002

TESTO

11. Non saremo vissuti invano...   1

Martin Luther King

Se avremo aiutato una sola persona a sperare, non saremo vissuti invano.

speranzadonare gioia

Valutazione: 0 voti

inviato da Andrea Aversa, inserito il 24/05/2002

TESTO

12. Un salto nell'ignoto

Helder Camara

Sperare vuol dire: osare il salto nell'ignoto e abbandonarsi completamente a Dio.

speranzaabbandonofedefiducia

Valutazione: 0 voti

inviato da Andrea Aversa, inserito il 24/05/2002

TESTO

13. Il seme e la spiga

Primo Mazzolari

La speranza vede la spiga quando i miei occhi di carne non vedono che il seme che marcisce.

speranzasofferenzacrocedolore

Valutazione: 0 voti

inviato da Andrea Aversa, inserito il 24/05/2002

PREGHIERA

14. Preghiera davanti al Crocifisso di S. Damiano

San Francesco d'Assisi

O alto e glorioso Dio, illumina le tenebre del cuore mio.
Dammi una fede retta, speranza certa,
carità perfetta e umiltà profonda.
Dammi, Signore, senno e discernimento
per compiere la tua vera e santa volontà.
Amen.

fedefiduciaabbandono

Valutazione: 0 voti

inviato da Andrea Aversa, inserito il 23/05/2002

PREGHIERA

15. Preghiera del mattino

Guy De Larigaudie

Mio Dio, ti offro questa giornata.
Tutte le mie azioni, tutti i miei pensieri,
tutte le mie parole, tutti i miei passi, tutti i miei gesti.
Tutte le mie gioie e tutte le mie tristezze.
Tutto ciò che potrò fare di bene in questo giorno,
o mio Dio, io lo depongo ai tuoi piedi
per la tua gloria e per la salvezza delle anime.
Amen.

offertanuovo giorno

Valutazione: 0 voti

inviato da Andrea Aversa, inserito il 23/05/2002

TESTO

16. Amare gli uomini   1

Primo Mazzolari

Gli uomini si amano come sono e non come dovrebbero essere.

Se le nostre mamme avessero aspettato a volerci bene quando noi fossimo diventati buoni, forse sarebbero morte senza volerci bene.

amoremammagratuitàaccettazione

Valutazione: 5.0/5 (1 voto)

inviato da Andrea Aversa, inserito il 23/05/2002

TESTO

17. Carta dei Giovani

Sermig , Fraternità della Speranza

Voglio trovare il senso per la mia vita, che è unica ed irripetibile, per viverla senza guerra, violenza, paura e sperare nel futuro.

Mi impegno perché ogni uomo e donna possa valorizzare le proprie potenzialità e perché nessuno sia sfruttato.

Voglio capire cosa è il bene e cosa è il male, voglio vivere in un mondo dove esiste il perdono e dove la vendetta sia abolita.

Mi impegno a cambiare vita se ho sbagliato.

Voglio lottare contro quelle schiavitù che ci hanno proposto come libertà e che hanno ucciso troppi ragazzi e ragazze come me.

Mi impegno perché abbiano accesso agli strumenti per comunicare e l'informazione sia al servizio della persona.

Voglio amare e capire, nella libertà, che cos'è la verità.

Mi impegno perché il lavoro possa essere un bene per tutta l'umanità.

Voglio avere la libertà di credere o di non credere e di professare la mia fede in ogni parte del mondo.

Mi impegno perché tutte le ricchezze siano usate ed equamente distribuite per contribuire a costruire un mondo migliore e voglio che la terra sia rispettata.

impegnopacegiustiziaamoregiovani

Valutazione: 0 voti

inviato da Andrea Aversa, inserito il 23/05/2002

TESTO

18. Frutti   2

Madre Teresa di Calcutta

Il frutto del silenzio è la preghiera.
Il frutto della preghiera è la fede.
Il frutto della fede è l'amore.
Il frutto dell'amore è il servizio.
Il frutto del servizio è la pace.

preghierafedeamoreserviziopace

Valutazione: 0 voti

inviato da Andrea Aversa, inserito il 23/05/2002