TestiPresentazioniVideoAudioImmaginiRitagliCommentiVangeliIdeeGiochi Mailing listBlogGuida Aiutaci   Entra

Commenti

Commenti per
23 novembre 2014
XXXIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO A) - CRISTO RE

Vangelo: Mt 25,31-46

PASSA AL RITO AMBROSIANO

PERFEZIONA LA RICERCA

Festivi
Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla Liturgia
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA
www.libreriateologica.it
Icona .doc

TESTO Dignità e carità cristiana

LaParrocchia.it  

XXXIV Domenica del Tempo Ordinario (Anno A) - Cristo Re (20/11/2005)

Vangelo: Mt 25,31-46 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Mt 25,31-46

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: 31Quando il Figlio dell’uomo verrà nella sua gloria, e tutti gli angeli con lui, siederà sul trono della sua gloria. 32Davanti a lui verranno radunati tutti i popoli. Egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dalle capre, 33e porrà le pecore alla sua destra e le capre alla sinistra. 34Allora il re dirà a quelli che saranno alla sua destra: “Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla creazione del mondo, 35perché ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero straniero e mi avete accolto, 36nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, ero in carcere e siete venuti a trovarmi”. 37Allora i giusti gli risponderanno: “Signore, quando ti abbiamo visto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, o assetato e ti abbiamo dato da bere? 38Quando mai ti abbiamo visto straniero e ti abbiamo accolto, o nudo e ti abbiamo vestito? 39Quando mai ti abbiamo visto malato o in carcere e siamo venuti a visitarti?”. 40E il re risponderà loro: “In verità io vi dico: tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me”. 41Poi dirà anche a quelli che saranno alla sinistra: “Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli, 42perché ho avuto fame e non mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e non mi avete dato da bere, 43ero straniero e non mi avete accolto, nudo e non mi avete vestito, malato e in carcere e non mi avete visitato”. 44Anch’essi allora risponderanno: “Signore, quando ti abbiamo visto affamato o assetato o straniero o nudo o malato o in carcere, e non ti abbiamo servito?”. 45Allora egli risponderà loro: “In verità io vi dico: tutto quello che non avete fatto a uno solo di questi più piccoli, non l’avete fatto a me”. 46E se ne andranno: questi al supplizio eterno, i giusti invece alla vita eterna».

Con la narrazione del giudizio finale termina l'insegnamento di Gesù alle folle. Inizia il tempo della sua preparazione alla passione e alla morte, che già lo attendono. Ora Gesù completa la rivelazione sulla salvezza aggiungendovi una verità universale, alla quale ognuno di noi dovrà conformare la sua intera esistenza terrena. Gesù è il Giudice di ogni uomo; il trono della sua gloria è il trono del giudizio; tutti gli uomini saranno sottoposti al suo giudizio inappellabile, eterno. Gesù separa quanti hanno vissuto di bene, bontà, misericordia, comunione da tutti coloro che invece hanno praticato il male, la malvagità, la cattiveria, l'egoismo:" E saranno riunite davanti a lui tutte le genti, ed egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dai capri, e porrà le pecore alla sua destra e i capri alla sinistra".

Questa separazione sarà eterna. Un abisso eterno sarà posto tra le due realtà, tra la realtà del bene e la realtà del male. Questa verità oggi viene negata da molti: "A che serve la conversione se poi alla fine il risultato è lo stesso per tutti?". Questa fede non solo genera il male, lo genera e lo giustifica, lo genera e lo alimenta, lo genera e lo aiuta a prosperare.

Non è questa la fede di Cristo Gesù, né la sua verità. Non è questo l'insegnamento di Cristo Gesù, né lo si può ricavare da una qualche sua Parola.

La Parola di Cristo è vera come sono vere: la sua identità, la sua missione, la sua morte, la sua risurrezione, la sua Ascensione gloriosa. Egli non contraddice quanto il Padre ha affidato alla sua missione. Infatti lo rivela il giudizio differenziato per alcuni: per alcuni nel Paradiso: "Allora il re dirà a quelli che stanno alla sua destra: Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla fondazione del mondo"; per altri invece: "Poi dirà a quelli alla sua sinistra: Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli".

Da cosa viene determinato il giudizio buono o cattivo per l'uomo? Ovviamente dalla sua (o non sua) carità! Il bene prodotto nel tempo ha come ricompensa un bene eterno, per sempre. Un bene limitato riceve in dono un bene infinito, divino, immenso, che mai verrà meno, mai si esaurirà, mai finirà; non si tratta di azioni isolate, ma di modi di essere, di vivere, di operare, di relazionarsi. Fame, sete, nudità, malattia, carcere, condizione di straniero non sono momenti, sono la stessa condizione perenne di Cristo Gesù. Cristo Gesù è sempre così, vive sempre così, si trova sempre in questa condizione di bisogno, di necessità, di urgenza. È questa la condizione umana di Cristo Signore e loro a questa condizione hanno posto fine. Questa condizione di Cristo mai però finirà, mai verrà meno. Ogni uomo si troverà sempre dinanzi a Cristo in questa condizione. Cambiano gli uomini cui fare il bene, resta però sempre Cristo Gesù.

Inoltre, le modalità del servizio della carità sono infinite. Spetta a ciascun uomo, guidato dalla sapienza e dall'intelligenza dello Spirito Santo, trovare quelle che più si adattano alla sua persona, alle sue condizioni storiche sia umane che spirituali, alla sua ricchezza sia di grazia, che di verità e carità. Come la sapienza e l'intelligenza dello Spirito Santo sono infinite, così infinite sono le opere di carità che l'uomo può fare. Ogni opera di carità dovrà avere un solo fine: dare vera dignità a quanti non ne hanno, elevandoli allo stesso nostro livello umano.

Cristo Gesù è venuto per ridare all'uomo la sua antica dignità, per lui è morto in croce. Cristo Gesù ha dato all'uomo la dignità rendendolo partecipe della sua natura divina. La carità cristiana infatti è elevare l'altro, rendendolo partecipe della nostra stessa dignità. Senza dono di dignità, non c'è carità cristiana.

Valutazione: 0 voti

 

Ricerca avanzata  (30446 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: