Aiutaci TestiPresentazioniVideoAudioImmaginiRitagliCommentiVangeliIdeeGiochi Mailing listBlogGuida    Entra

Commenti

Commenti per
27 dicembre 2015
SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

Vangelo: Lc 2,41-52

PASSA AL RITO AMBROSIANO

PERFEZIONA LA RICERCA

Festivi
Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla Liturgia
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA
www.libreriateologica.it
Icona .doc

TESTO Gesù cresceva in sapienza, età e grazia davanti a Dio e agli uomini

Riccardo Ripoli  

Riccardo Ripoli è uno dei tuoi autori preferiti di commenti al Vangelo?
Entrando in Qumran nella nuova modalità di accesso, potrai ritrovare più velocemente i suoi commenti e quelli degli altri tuoi autori preferiti!

Santa Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe (Anno C) (30/12/2012)

Vangelo: Lc 2,41-52 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Lc 2,41-52

41I genitori di Gesù si recavano ogni anno a Gerusalemme per la festa di Pasqua. 42Quando egli ebbe dodici anni, vi salirono secondo la consuetudine della festa. 43Ma, trascorsi i giorni, mentre riprendevano la via del ritorno, il fanciullo Gesù rimase a Gerusalemme, senza che i genitori se ne accorgessero. 44Credendo che egli fosse nella comitiva, fecero una giornata di viaggio e poi si misero a cercarlo tra i parenti e i conoscenti; 45non avendolo trovato, tornarono in cerca di lui a Gerusalemme. 46Dopo tre giorni lo trovarono nel tempio, seduto in mezzo ai maestri, mentre li ascoltava e li interrogava. 47E tutti quelli che l’udivano erano pieni di stupore per la sua intelligenza e le sue risposte. 48Al vederlo restarono stupiti, e sua madre gli disse: «Figlio, perché ci hai fatto questo? Ecco, tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo». 49Ed egli rispose loro: «Perché mi cercavate? Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?». 50Ma essi non compresero ciò che aveva detto loro.

51Scese dunque con loro e venne a Nàzaret e stava loro sottomesso. Sua madre custodiva tutte queste cose nel suo cuore. 52E Gesù cresceva in sapienza, età e grazia davanti a Dio e agli uomini.

I nostri figli sono fortunati ad avere due genitori ed un'intera famiglia fatta di nonni, zii, cugini che li amano, li accudiscano, li facciano crescere "in sapienza, età e grazia davanti a Dio e agli uomini".

Ma quanti bambini ci sono che sono nati in famiglie che li maltrattano, ne abusano, li sfruttano? Come pensate che possano crescere? E' colpa loro? No davvero, sono Innocenti davanti agli uomini e davanti a Dio, eppure noi li condanniamo al pari di Erode.

Tutti noi ci scandalizziamo quando nel Vangelo leggiamo che Erode mandò ad uccidere tutti i bambini pur di eliminare Gesù. Giuriamo e spergiuriamo che se fossimo stati al posto di Erode mai e poi mai avremmo compiuto una strage di innocenti. Baggianate. Cambiano i tempi, cambiano le modalità, ma la sostanza è la stessa. Ci sono centinaia, migliaia di bambini nella Betlemme di casa nostra, nelle città vicine a noi, nei quartieri accanto a dove abitiamo che muoiono ogni giorno, muoiono di fame, muoiono per mancanza di amore e di una famiglia, muoiono nella disperazione di un abuso. Muoiono perché noi li abbiamo condannati a morte. Noi, novelli Erode, siamo i loro carnefici. Noi che non li accogliamo nelle nostre case siamo come Erode che per paura fa uccidere centinaia di bambini. Paura, ecco come si chiama la nostra reticenza a salvare la vita ad un bambino. Nessuno vi chiede di rinunciare alla vostra vita, nessuno pensa che dobbiate fondare un'associazione ed accogliere dieci ragazzi adolescenti e problematici. Ma da voi ci si aspetterebbe un piccolo atto di amore, quello di aprire le porte ad un bambino che sta morendo per colpa vostra. Come Erode avete paura del nulla, lui che sentiva minacciato il suo potere, pensava che sarebbe stato limitato nelle sue azioni, reputava che Gesù avrebbe rovesciato il suo regno. Paure inesistenti, come le nostre. Di cosa avete timore? Che un bambino in affidamento possa togliervi pace e serenità? Che possa nuocere alla vostra vita? Avete paura di dover affrontare i servizi sociali, i tribunali dei minori, le famiglie naturali? Avete paura di soffrire quando sarete riusciti a salvare quel bambino?
Erode per le sue paure infondate sparse sangue innocente.

Voi state facendo lo stesso, lasciate che tanti bambini si perdano e muoiano perché avete paura, timore di perdere qualcosa che avete, qualcosa che egoisticamente non volete dividere con altri, neppure con un bambino, neppure in piccola percentuale.

Riflettete. Pensate a quanto male state facendo, non facendo niente.

Ostacoli ce ne sono tanti, spesso anche da parte dei servizi sociali, ma un bambino sta morendo per colpa vostra, mi sembra un buon motivo per lottare. Noi saremo al vostro fianco se deciderete di fare un passo nella direzione giusta, cercheremo di guidarvi e consigliarvi, non vi lasceremo soli e insieme salveremo tanti bambini.

Valutazione: 0 voti

 

Ricerca avanzata  (30819 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: