Testi Presentazioni Video Audio Immagini Ritagli Commenti Vangeli Idee Giochi Facebook Mailing list Blog Guida Aiutaci    Entra

Commenti

Commenti per
16 ottobre 2014
GIOVEDÌ DELLA XXVIII SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO II)

Vangelo: Lc 11,47-54

PASSA AL RITO AMBROSIANO

PERFEZIONA LA RICERCA

Tutti

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla Liturgia
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA
www.libreriateologica.it
Icona .doc

   Sono venuto a gettare fuoco sulla terra

Movimento Apostolico - rito romano  

Movimento Apostolico - rito romano è uno dei tuoi autori preferiti di commenti al Vangelo?
Entrando in Qumran nella nuova modalità di accesso, potrai ritrovare più velocemente i suoi commenti e quelli degli altri tuoi autori preferiti!

Giovedì della XXVIII settimana del Tempo Ordinario (Anno II) (25/10/2012)

Vangelo: Lc 11,47-54 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Il fuoco di Cristo Gesù è lo Spirito Santo, gettato da Lui dal Cielo il giorno di Pentecoste, nel Cenacolo, perché si posasse sui discepoli e su quanti era presenti.

Mentre stava compiendosi il giorno della Pentecoste, si trovavano tutti insieme nello stesso luogo. Venne all'improvviso dal cielo un fragore, quasi un vento che si abbatte impetuoso, e riempì tutta la casa dove stavano. Apparvero loro lingue come di fuoco, che si dividevano, e si posarono su ciascuno di loro, e tutti furono colmati di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue, nel modo in cui lo Spirito dava loro il potere di esprimersi. Abitavano allora a Gerusalemme Giudei osservanti, di ogni nazione che è sotto il cielo. A quel rumore, la folla si radunò e rimase turbata, perché ciascuno li udiva parlare nella propria lingua. Erano stupiti e, fuori di sé per la meraviglia, dicevano: «Tutti costoro che parlano non sono forse Galilei? E come mai ciascuno di noi sente parlare nella propria lingua nativa? Siamo Parti, Medi, Elamiti, abitanti della Mesopotamia, della Giudea e della Cappadòcia, del Ponto e dell'Asia, della Frìgia e della Panfìlia, dell'Egitto e delle parti della Libia vicino a Cirene, Romani qui residenti, Giudei e prosèliti, Cretesi e Arabi, e li udiamo parlare nelle nostre lingue delle grandi opere di Dio». Tutti erano stupefatti e perplessi, e si chiedevano l'un l'altro: «Che cosa significa questo?». Altri invece li deridevano e dicevano: «Si sono ubriacati di vino dolce». Allora Pietro con gli Undici si alzò in piedi e a voce alta parlò a loro così: «Uomini di Giudea, e voi tutti abitanti di Gerusalemme, vi sia noto questo e fate attenzione alle mie parole. Questi uomini non sono ubriachi, come voi supponete: sono infatti le nove del mattino; accade invece quello che fu detto per mezzo del profeta Gioele: Avverrà: negli ultimi giorni - dice Dio - su tutti effonderò il mio Spirito; i vostri figli e le vostre figlie profeteranno, i vostri giovani avranno visioni e i vostri anziani faranno sogni. E anche sui miei servi e sulle mie serve in quei giorni effonderò il mio Spirito ed essi profeteranno. Farò prodigi lassù nel cielo e segni quaggiù sulla terra, sangue, fuoco e nuvole di fumo. Il sole si muterà in tenebra e la luna in sangue, prima che giunga il giorno del Signore, giorno grande e glorioso. E avverrà: chiunque invocherà il nome del Signore sarà salvato. (At 2,1-21).

Lo Spirito Santo è dato sotto forma di fuoco per significare due verità della sua azione misteriosa e potente. Il fuoco è forza ingovernabile. Nessuno lo potrà mai trattenere, spegnere, estinguere, imprigionare. Esso è forza che attinge più forza operando, agendo, incendiando cuori e menti. Il fuoco, ovunque passa, distrugge, annienta. Ma anche sui suoi passi nasce perennemente una vita nuova. Distrugge e rigenera, abbatte e ricrea. Elimina ciò che è vecchio. Dona vita nuova, la vita stessa di Dio.

Il battesimo di Gesù è quello del sangue. Lui sarà interamente immerso dal suo sangue, da esso reso perfetto. Questo stesso suo sangue dovrà immergere, sommerge, come diluvio di grazia e di santità, il genere umano, fino alla fine del mondo, perché venga purificato, santificato, rigenerato a vita nuova, venga reso partecipe della divina natura, gli venga data l'altissima dignità di vero figlio di Dio.

La pace di Gesù non è quella che donano gli uomini, pace falsa, bugiarda, menzognera, accordo fittizio, tregua per preparare un'altra guerra ancora più spietata e crudele. La pace di Gesù è nella riconciliazione con Dio e con i fratelli, perché è nel cambiamento della stessa natura dell'uomo, che da natura di peccato, diviene natura di grazia e verità, da natura umana, viene resa partecipe della natura divina. Questa pace è personale, non è comunitaria. È della singola persona. Chi entra in questa pace, entra in una guerra eterna con il mondo. Il mondo lo vorrà annientare, distruggere, eliminare. È questa la divisione che Cristo è venuto a portare sulla terra.

Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, immergeteci nello Spirito Santo.

Valutazione: 0 voti

 

Ricerca avanzata  (29321 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: