Aiutaci TestiPresentazioniVideoAudioImmaginiRitagliCommentiVangeliIdeeGiochi Mailing listBlogGuida    Entra

Commenti

Commenti per
27 luglio 2012
VENERDÌ DELLA XVI SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO II)

Vangelo: Mt 13,18-23

PASSA AL RITO AMBROSIANO

PERFEZIONA LA RICERCA

Feriali
Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla Liturgia
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA
www.libreriateologica.it
Icona .doc

TESTO Voi dunque ascoltate la parabola del seminatore

Movimento Apostolico - rito romano  

Venerdì della XVI settimana del Tempo Ordinario (Anno II) (27/07/2012)

Vangelo: Mt 13,18-23 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Oggi Gesù ci rivela le profondità del cuore dell'uomo. Già L'Antica Scrittura ha rivelato che il cuore è un abisso insondabile. Niente è più profondo del mistero di un cuore.

Ascolta, o Dio, la voce del mio lamento, dal terrore del nemico proteggi la mia vita. Tienimi lontano dal complotto dei malvagi, dal tumulto di chi opera il male. Affilano la loro lingua come spada, scagliano come frecce parole amare per colpire di nascosto l'innocente; lo colpiscono all'improvviso e non hanno timore. Si ostinano a fare il male, progettano di nascondere tranelli; dicono: «Chi potrà vederli?». Tramano delitti, attuano le trame che hanno ordito; l'intimo dell'uomo e il suo cuore: un abisso! Ma Dio li colpisce con le sue frecce: all'improvviso sono feriti, la loro stessa lingua li manderà in rovina, chiunque, al vederli, scuoterà la testa. Allora ognuno sarà preso da timore, annuncerà le opere di Dio e saprà discernere il suo agire. Il giusto gioirà nel Signore e riporrà in lui la sua speranza: si glorieranno tutti i retti di cuore. (64 (63) 1-11).

Quando un seminatore della Parola del Signore annunzia il Vangelo, proclama la buona novella, questo deve sapere: dinanzi a lui vi è sempre un abisso, mai lui potrà sapere i frutti della sua predicazione. Se però lo Spirito Santo gli dona la lettura del cuore, per una grazia particolare, saprà chi gli sta dinanzi e quale grande prudenza dovrà usare perché nessun male gli venga dal dono al cuore della Parola. Il Vangelo attesta che Gesù conosceva la malizia che vi era nel cuore di ognuno. Il Vangelo secondo Giovanni conferma questa verità: "Mentre era a Gerusalemme per la Pasqua, durante la festa, molti, vedendo i segni che egli compiva, credettero nel suo nome. Ma lui, Gesù, non si fidava di loro, perché conosceva tutti e non aveva bisogno che alcuno desse testimonianza sull'uomo. Egli infatti conosceva quello che c'è nell'uomo" (Gv 2,23-25). Ma sempre Gesù conosceva quest'abisso ignoto a quanti il Signore non ha concesso la lettura del cuore. Per questo il predicatore del Vangelo dovrà essere semplice come le colombe, ma prudente come i serpenti. Il cuore dell'uomo è sempre imprevedibile. Mai lo si potrà scandagliare fino in fondo. Quando pensi di conoscerlo, è allora che ti sfugge e ti sorprende sempre. Esso non è mai domato, mai conquistato, mai sicuro. Esso è sorprendentemente mutevole, cangiante. Chi lo può stabilizzare è solo lo Spirito Santo, creandolo nuovo e rendendolo stabile ogni giorno di più.

Il Seminatore esce a seminare. Non può scegliere a chi dare e a chi non dare la Parola. Lui è obbligato a darla a tutti, tutta, sempre. Poiché non conosce il cuore, non sa cosa vi è dentro e neanche quale sarà la sua reazione di oggi che potrebbe essere diversa già domani, è dovere annunziare la Parola, senza alcun giudizio previo o peggio pregiudizio. La deve annunziare allo stesso modo di Cristo Gesù: predicando, dicendo, spiegando, raccontando, servendosi della parabola e dell'allegoria e di ogni altro genere letterario. Qui finisce la sua responsabilità: nel dono saggio, intelligente, prudente, accorto, della Parola ai cuori. Poi inizia la responsabilità dell'uomo cui è stata data la Parola. Spetta a lui farla fruttificare nel cuore, perché divenga essenza, sostanza, suo stesso corpo, sua vita. Così agendo, sarà sempre immune dalla grande tentazione della vanità della sua opera o della non adeguatezza. La sua missione non è quella di raccogliere frutti, è invece quella della seminagione quotidiana della Parola della salvezza. La raccolta dei frutti non appartiene a lui, bensì a quanti Dio ha stabilito.

Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, fateci veri e saggi seminatori.

Valutazione: 0 voti

 

Ricerca avanzata  (30473 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: