Testi Presentazioni Video Audio Immagini Ritagli Commenti Vangeli Idee Giochi Mailing list Blog Guida Aiutaci    Entra

Commenti

Commenti per
7 gennaio 2014
7 GENNAIO

Vangelo: Mt 4,12-17.23-25

PASSA AL RITO AMBROSIANO

PERFEZIONA LA RICERCA

Tutti

Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla Liturgia
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA
www.libreriateologica.it
Icona .doc

TESTO Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino

Movimento Apostolico - rito romano  

7 Gennaio (07/01/2012)

Vangelo: Mt 4,12-17.23-25 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Gesù è luce che splende nelle tenebre. Lui non inizia la sua predicazione da Gerusalemme, il cuore religioso del popolo di Dio. Comincia dalla Galilea, regione assai distante dalla Giudea, terra paganeggiante, a motivo della vicinanza con i popoli pagani suoi confinanti. Questo annunziava la profezia e Gesù la compie in ogni sua parte: "In passato umiliò la terra di Zàbulon e la terra di Nèftali, ma in futuro renderà gloriosa la via del mare, oltre il Giordano, Galilea delle genti. Il popolo che camminava nelle tenebre ha visto una grande luce; su coloro che abitavano in terra tenebrosa una luce rifulse. Hai moltiplicato la gioia, hai aumentato la letizia. Gioiscono davanti a te come si gioisce quando si miete e come si esulta quando si divide la preda. Perché tu hai spezzato il giogo che l'opprimeva, la sbarra sulle sue spalle, e il bastone del suo aguzzino, come nel giorno di Madian. Perché ogni calzatura di soldato che marciava rimbombando e ogni mantello intriso di sangue saranno bruciati, dati in pasto al fuoco. Perché un bambino è nato per noi, ci è stato dato un figlio. Sulle sue spalle è il potere e il suo nome sarà: Consigliere mirabile, Dio potente, Padre per sempre, Principe della pace. Grande sarà il suo potere e la pace non avrà fine sul trono di Davide e sul suo regno, che egli viene a consolidare e rafforzare con il diritto e la giustizia, ora e per sempre" (Is 8,23-9,6). Gesù non è una luce tra le tante luci che illuminano la nostra terra. Gesù è la luce che splende nelle tenebre del mondo. Tutte le altre luci dinanzi a Gesù devono proclamarsi non luci, se veramente amano l'uomo e vogliono il suo più grande bene. Ogni altra luce deve annullarsi in Cristo e in Lui trovare la sua verità.

Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaia: Terra di Zàbulon e terra di Nèftali, sulla via del mare, oltre il Giordano, Galilea delle genti! Il popolo che abitava nelle tenebre vide una grande luce, per quelli che abitavano in regione e ombra di morte una luce è sorta. Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino». Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo. La sua fama si diffuse per tutta la Siria e conducevano a lui tutti i malati, tormentati da varie malattie e dolori, indemoniati, epilettici e paralitici; ed egli li guarì. Grandi folle cominciarono a seguirlo dalla Galilea, dalla Decàpoli, da Gerusalemme, dalla Giudea e da oltre il Giordano.

La conversione è un vero cambiamento di cuore, mente, pensieri, volontà, desideri, attese. Essa è passaggio forte, abbandono, perdita. San Paolo ha compreso bene cosa è la conversione quando afferma: "Se qualcuno ritiene di poter avere fiducia nella carne, io più di lui: circonciso all'età di otto giorni, della stirpe d'Israele, della tribù di Beniamino, Ebreo figlio di Ebrei; quanto alla Legge, fariseo; quanto allo zelo, persecutore della Chiesa; quanto alla giustizia che deriva dall'osservanza della Legge, irreprensibile. Ma queste cose, che per me erano guadagni, io le ho considerate una perdita a motivo di Cristo. Anzi, ritengo che tutto sia una perdita a motivo della sublimità della conoscenza di Cristo Gesù, mio Signore. Per lui ho lasciato perdere tutte queste cose e le considero spazzatura, per guadagnare Cristo ed essere trovato in lui, avendo come mia giustizia non quella derivante dalla Legge, ma quella che viene dalla fede in Cristo, la giustizia che viene da Dio, basata sulla fede: perché io possa conoscere lui, la potenza della sua risurrezione, la comunione alle sue sofferenze, facendomi conforme alla sua morte, nella speranza di giungere alla risurrezione dai morti. Non ho certo raggiunto la mèta, non sono arrivato alla perfezione; ma mi sforzo di correre per conquistarla, perché anch'io sono stato conquistato da Cristo Gesù. Fratelli, io non ritengo ancora di averla conquistata. So soltanto questo: dimenticando ciò che mi sta alle spalle e proteso verso ciò che mi sta di fronte, corro verso la mèta, al premio che Dio ci chiama a ricevere lassù, in Cristo Gesù" (Cfr. Fil 3,3-14). Questa è la vera conversione. Ad essa tutti siamo chiamati. Verso di essa sempre camminare.

Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, dateci la vera conversione.

Valutazione: 0 voti

 

Ricerca avanzata  (29943 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: