Aiutaci TestiPresentazioniVideoAudioImmaginiRitagliCommentiVangeliIdeeGiochi Mailing listBlogGuida    Entra

Commenti

Commenti per
18 maggio 2014
V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A)

Vangelo: Gv 14,1-12

PASSA AL RITO AMBROSIANO

PERFEZIONA LA RICERCA

Festivi
Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla Liturgia
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA
www.libreriateologica.it
Icona .doc

TESTO Da Gesù la strada che arriva a Dio

padre Ermes Ronchi

V Domenica di Pasqua (Anno A) (22/05/2011)

Vangelo: Gv 14,1-12 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Gv 14,1-12

1Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me. 2Nella casa del Padre mio vi sono molte dimore. Se no, vi avrei mai detto: “Vado a prepararvi un posto”? 3Quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, verrò di nuovo e vi prenderò con me, perché dove sono io siate anche voi. 4E del luogo dove io vado, conoscete la via».

5Gli disse Tommaso: «Signore, non sappiamo dove vai; come possiamo conoscere la via?». 6Gli disse Gesù: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. 7Se avete conosciuto me, conoscerete anche il Padre mio: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto».

8Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta». 9Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre. Come puoi tu dire: “Mostraci il Padre”? 10Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me stesso; ma il Padre, che rimane in me, compie le sue opere. 11Credete a me: io sono nel Padre e il Padre è in me. Se non altro, credetelo per le opere stesse.

12In verità, in verità io vi dico: chi crede in me, anch’egli compirà le opere che io compio e ne compirà di più grandi di queste, perché io vado al Padre.

Non sia turbato il vo­stro cuore, abbiate fiducia. Sono le pa­role primarie del nostro rapporto con Dio e con la vita, quelle che devono ve­nirci incontro appena a­perti gli occhi, ogni matti­na: scacciare la paura, ave­re fiducia. Avere fiducia (negli altri, nel mondo, nel futuro) è at­to umano, umanissimo, vi­tale, che tende alla vita. Senza la fiducia non si può essere umani. Senza la fe­de in qualcuno non è pos­sibile vivere. Io vivo perché mi fido. In questo atto u­mano la fede in Dio respi­ra.

Abbiate fede in me, io sono la via la verità e la vita. Tre parole immense. Che nes­suna spiegazione può e­saurire.

Io sono la via: la strada per arrivare a casa, a Dio, al cuore, agli altri. Sono la strada: davanti non si erge un muro o uno sbarra­mento, ma orizzonti aper­ti e una meta. Sono la stra­da che non si smarrisce. Shakespeare scrive «la vita è una favola sciocca recita­ta da un idiota sulla scena, piena di rumore e di furore, ma che non significa nul­la». Con Gesù la favola sen­za senso diventa la storia più ambiziosa del mondo, il sogno più grandioso mai sognato, la conquista di a­more e libertà, di bellezza e di comunione: con Dio, con il cosmo con l'uomo.

Io sono la verità: non in u­na dottrina, in un libro, in una legge migliori delle al­tre, ma in un «io» sta la ve­rità, in una vita, nella vita di Gesù, venuto a mostrarci il vero volto dell'uomo e di Dio. Il cristianesimo non è un sistema di pensiero o di riti, ma una storia e una vi­ta (F. Mauriac).

Io sono: verità disarmata è il suo muoversi libero, re­gale e amorevole tra le creature.

Mai arrogante. La tenerez­za invece, questa sorella della verità.

La verità sono occhi e ma­ni che ardono! (Ch. Bobin). Così è Gesù: accende occhi e mani.

Io sono la vita. Che hai a che fare con me, Gesù di Nazareth? La risposta è u­na pretesa perfino eccessi­va, perfino sconcertante: io faccio vivere. Parole enor­mi, davanti alle quali pro­vo una vertigine. La mia vi­ta si spiega con la vita di Dio. Nella mia esistenza più Dio equivale a più io .

Più Vangelo entra nella mia vita più io sono vivo. Nel cuore, nella mente, nel cor­po. E si oppone alla pulsio­ne di morte, alla distrutti­vità che nutriamo dentro di noi con le nostre paure, al­la sterilità di una vita inu­tile.

Infine interviene Filippo: «Mostraci il Padre, e ci ba­sta». È bello che gli aposto­li chiedano, che vogliano capire, come noi.

Filippo, chi ha visto me ha visto il Padre. Guardi Gesù, guardi come vive, come a­ma, come accoglie, come muore, e capisci Dio e la vi­ta.

Valutazione: 4.6/5 (5 voti)

 

Ricerca avanzata  (30488 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: