Aiutaci TestiPresentazioniVideoAudioImmaginiRitagliCommentiVangeliIdeeGiochi Mailing listBlogGuida    Entra

Commenti

Commenti per
28 ottobre 2012
XXX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO B)

Vangelo: Mc 10,46-52

PASSA AL RITO AMBROSIANO

PERFEZIONA LA RICERCA

Festivi
Parole Nuove - Commenti al Vangelo e alla Liturgia
AUTORI E ISCRIZIONE - RICERCA
www.libreriateologica.it
Icona .doc

TESTO Vedenti ciechi

don Giovanni Berti

XXX Domenica del Tempo Ordinario (Anno B) (25/10/2009)

Vangelo: Mc 10,46-52 Clicca per vedere le Letture (Vangelo: )

Visualizza Mc 10,46-52

46E giunsero a Gerico. Mentre partiva da Gerico insieme ai suoi discepoli e a molta folla, il figlio di Timeo, Bartimeo, che era cieco, sedeva lungo la strada a mendicare. 47Sentendo che era Gesù Nazareno, cominciò a gridare e a dire: «Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!». 48Molti lo rimproveravano perché tacesse, ma egli gridava ancora più forte: «Figlio di Davide, abbi pietà di me!». 49Gesù si fermò e disse: «Chiamatelo!». Chiamarono il cieco, dicendogli: «Coraggio! Àlzati, ti chiama!». 50Egli, gettato via il suo mantello, balzò in piedi e venne da Gesù. 51Allora Gesù gli disse: «Che cosa vuoi che io faccia per te?». E il cieco gli rispose: «Rabbunì, che io veda di nuovo!». 52E Gesù gli disse: «Va’, la tua fede ti ha salvato». E subito vide di nuovo e lo seguiva lungo la strada.

Clicca qui per la vignetta della settimana

Tempo fa', in un gruppo del quale facevo parte e che si radunava per confrontarsi sulla vita e la fede, venne richiesto ad ognuno dei partecipanti di scegliere il nome da dare al gruppo, dato che fino ad allora si ritrovava senza un nome specifico.

C'era l'esigenza, attraverso il nome, di dare una identità al cammino che insieme si stava facendo.

Quando toccò a me di scegliere il nome, proposi proprio questo brano di Vangelo come punto di riferimento e come spunto per il nome del gruppo. Scegli come nome "ai margini della strada", perché mi aveva colpito che la scena della guarigione si svolgeva proprio lungo una strada, quella tra Gerico e Gerusalemme. Forse il nome non era dei migliori e non suonava benissimo per un gruppo(infatti fu poi scelto un altro nome...), ma per me era proprio quella la finalità del nostro ritrovarci come cristiani che riflettono sulla vita e sul Vangelo.

Gesù è uno che è attento ai margini della strada, ed è proprio li che incontra questo cieco. Gesù riesce a superare la barriera che si è frapposta tra lui e questo povero. Ma è singolare il fatto che il cieco, nonostante l'oscurità degli occhi e nonostante il muro di rifiuto che ha attorno, riesce a "vedere" Gesù e a riconoscere colui che può salvarlo.

Il margine della strada diventa improvvisamente il centro della scena. Il muro di ostilità si trasforma in accoglienza e incoraggiamento ("Coraggio! Alzati...).

E' questo il miracolo nel miracolo che compie Gesù. Tutti all'inizio sono ciechi perché non vedono la povertà che sta ai bordi della strada, Gesù invece se ne accorge e dà spazio al grido che viene da lontano.

Gesù quindi non solo guarisce la cecità del povero, ma guarisce anche la cecità di coloro che gli stanno attorno. Essi infatti sono vicini a Gesù ma non lo riconoscono nel povero che grida.

Questo per me è un forte richiamo a noi cristiani, che ci diciamo vicini a Gesù ma che spesso formiamo barriere verso i poveri, e non li vediamo ai margini delle nostre comode e diritte strade. Siamo così presi dai nostri piccoli problemi da non vedere più quel che realmente accade.

Abbiamo il compito di essere come Gesù e di non far finta di niente mentre percorriamo la nostra strada. Non possiamo essere ciechi e sordi davanti alle immense povertà di tante parti del mondo.

In questi giorni leggevo un'articolo-denuncia riguardo la famosa questione della tanto famigerata influenza suina. In questo articolo si cerca di svelare l'inganno della pandemia. Mentre noi ci terrorizziamo di questa influenza che ha fatto nel mondo qualche centinaio di morti, nello stesso tempo non vediamo che ancora oggi in molti posti della terra, specialmente in Africa, migliaia (specialmente bambini) muoiono ancora di malaria e dissenteria, e con numeri molto superiori all'influenza H1N1.

Sono cieco Signore anche se ci vedo bene

Vedo ogni mattina la mia faccia riflessa nello specchio, ma non vedo la mia anima che cerca te...

Vedo tanti volti, corpi, vestiti, professioni... ma non vedo il fratello e la sorella dietro quei volti, corpi, vestiti e professioni...

Vedo l'estracomunitario, il disoccupato, il malato... ma non vedo la persona con la sua unicità e originalità al di la degli aggettivi che porta e dentro i quali troppo frettolosamente la incasello.

Vedo il libro del Vangelo nello scaffale della mia libreria, ma non vedo che dentro parla non solo di te ma anche di me...

Sono cieco Signore Gesù, ma tu mi puoi guarire perché ascolti il grido di aiuto che io non sento, ma che dentro di me c'è davvero.

Ed è lo stesso grido di aiuto del cieco ai margini della strada di Gerico:"Signore Gesù, abbi pietà di me... che io veda di nuovo!"

Clicca qui per lasciare un commento.

Valutazione: 0 voti

 

Ricerca avanzata  (30635 commenti presenti)
Omelie Rituali per: Battesimi - Matrimoni - Esequie
brano evangelico
(es.: Mt 25,31 - 46):
festa liturgica:
autore:
ordina per:
parole: